Nessuno va in vacanza

000Cranach_the_Elder_Lucas-Cupid_Complaining_to_Venus

Bisognerebbe vivere solo d’agosto, tra questi homeless indifferenti chiusi nei cappotti che puntellano i semafori. Bisognerebbe darsi un po’ di quell’assenza priva di pena e mettersi in strada, muoversi con la densità della luce, saper come sciogliersi nel folto delle ombre insolubili. Poi la sera, dall’alto di una terrazza esposta, assumere il coro di voci delle nuove povertà che si rincorrono tra finestre. Si fa vacanza nascosti in casa, ognuno credendo alla propria speciale solitudine, senza sapere che tutti diventano quella ragazza concitata che snocciola all’amica tariffata le costose tregenda dell’Erasmus, che senza sforzo si è per forza quei tre dannati marmocchi del piano terra, i residui di quelle zuffe ingestibili che genitori stanchi lasciano accadere, nell’incertezza del punto di catena, in loro, fra loro, oltre loro, cui vada attribuito lo strappo demoniaco.

5 risposte a “Nessuno va in vacanza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...