Geografie Fuori Luogo does a bloody Outing

geo2

geo4

 

 

Giù, nella Guinea portoghese

Due inglesi e un Padrino a Jaipur

La Paz dell’angelo

Baghdad

Ramallah

Radiodramma dell’Invasione

Quel che resta di insolubile sopra il mare di Celestun

Near Manhattan

La fantasma di Jaisalmer

Barcellona

Genova, la destrezza necessaria

Mafia island

Kenitaly srl

Roma Termini

Roma Pietralata

Nero a settentrione

*

16 storie che celebrano il viaggio, l’andare per territori sconosciuti, il perdersi come rituale di salvezza animista.
Geografie è un cofanetto di sortilegi, un fai-da-te utile a sopravvivere nelle seguenti circostanze:

* persistenza di fantasmi d’amore
* invasioni aliene che si annunciano via radio
* sentirsi perduti a La Paz, a Genova o Baghdad che sia
* prendere una metropolitana a Roma
* incontrare stranieri all’estero, tipo gli italiani

 

geo5

25 risposte a “Geografie Fuori Luogo does a bloody Outing

  1. L’ha ribloggato su PoveraPazzae ha commentato:
    non ti faccio un gran favore, si sa che mi leggi solo tu, sembreremo gatti che inseguono la propria coda, ma un libro è un libro è un libro è un libro è.
    Sono troppo contenta 🙂

    • Ya kidding, sizter.
      Tu sai che il mondo sotto la crosta (come dice Franco Arminio) è pieno di scoraggiatori professionisti.
      E’ una favola il gesto, adesso devo friggere le melanzane, più tardi passo

  2. A me pare soprattutto chiara, la grafia (scusa Bro, tu che sei esperto, ma com’è una grafia adulta?) e ci sta d’incanto, il manoscritto, qui nella promotion. besos

  3. Prenderò questo “cofanetto di sortilegi”!
    E…
    A presto, Alex! 🙂
    Ti abbraccio
    Gelsybel
    E’ una grafia “adulta”! 😉
    Perfetto il manoscritto qui!

  4. Sono golosa di prosciutto tagliato a mano, la prima fetta è mia 🙂
    PS: te l’hanno già detto, ma davvero la presentazione scritta a mano è il miglior omaggio che tu potessi fare alla tua scrittura

  5. peccato (vado controtendenza, esiusciual).
    a nanomodo di sentire questo tuo meritava un’anima copyleft, ma tant’è, si vede che anche il perdersi – come rituale di salvezza – ha un suo costo (id est, pure il “fuori luogo” è collocabile a scaffale).
    : (
    comunque sono felice che tu sia felice e che la tua grafia sia così viva.
    : )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...