La Psicosi Ambientale di Deserto Rosso

monica-vitti-il-deserto-rosso-201839-600x328-300x164

Vincitore del Leone d’oro veneziano nel 1964, Deserto Rosso appare come uno dei vertici della filmografia di Michelangelo Antonioni. La profondità e la congruenza espressiva con cui viene messa in scena la patologia dei codici della società borghese, tema particolarmente caro al regista ferrarese, viene qui ulteriormente declinata nella prospettiva intima e personale del personaggio femminile interpretato da una straordinaria Monica Vitti.

Giuliana è malata, soffre di un disturbo psicotico, l’esordio sintomatico di una schizofrenia probabilmente. A metterci in allarme sin dai primi minuti al riguardo è la sequenza in cui Giuliana, una bella donna borghese dagli occhi spaesati e inquieti, cede a un’improvvisa fame ansiosa e insiste per comprare un panino mezzo mangiato dall’operaio di una fabbrica; corre poi a divorare l’incongruente pasto dietro un cespuglio, lasciando improvvisamente solo il figlio che teneva per mano.

Il contesto ambientale in cui la storia si muove è profondamente coerente con la rappresentazione del dramma di Giuliana. Siamo nella Bassa Padana industriale fatta di fabbriche, ferraglie, fumi, ingranaggi, rumori stridenti e paesaggi naturalisticamente morti, vittime degli sversamenti incontrollati di veleni chimici.

Continua…

Maieutica – Studio di Psicologia e Psicoterapia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2 risposte a “La Psicosi Ambientale di Deserto Rosso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...